2017-05-29 Saloctanes

1978 Corvette Official Pace Car

1978 Corvette L82 Official Pace Car Indy 500
Auburn Speedster 866 - La numero uno

La quinta volta della Chevrolet

Quando la Motor Speedway di Indianapolis invitò la Chevrolet a seguire la corsa della famosa Indy 500 del 1978, fu il quinto onore concesso alla divisione. La fortuna (forse) volle che coincise con l’anniversario d’argento della biposto (anche se fu creata un’edizione speciale separata per celebrare quella tappa).

  • SHARE:

Un VIN speciale

Per la prima volta nella storia di Corvette, alle repliche di Pace Car, sono state date una sequenza separata del VIN (l’ottava cifra è 9 anzichè 4), rendendo quasi impossibile clonarlo oggi. Rifinita in un spettacolare nero a due toni su argento con una striscia rossa appena sotto della linea di fusione, le repliche ufficiali, costruite con il codice GM RPO Z78, erano quasi esatte alle auto ufficiali: spoiler anteriori e posteriori, ruote, Il vetro T-top a specchio, l’interno d’argento e  il motore L82. Tutto quello che mancava erano i buchi perforati nella parte posteriore per le bandiere. Il prezzo base era di $ 13.653,21. L’interesse per l’acquisizione di una replica della nuova auto è stata immediata, portando la produzione a 6.502 unità: una per ciascuno dei rivenditori di Corvette di Chevrolet dell’epoca.

Le Motorizzazioni

Le edizioni della Pace Car dovevano essere consegnate con il motore L48. Già stabilito all’interno della linea, il 350-cu.in. Il motore ha vantato un alesagio ed una corsa di 4,00 x 3,48 pollici e una compressione di 8,2: 1 che impiegava lifters idraulici, un carburatore quadricorpo Rochester, un collettore d’aspirazione di ghisa e una coppia di teste cilindriche contenenti rispettivamente valvole di aspirazione / scarico 1,94 / 1,50 pollici . Chevrolet è riuscita ad aumentare la potenza dell’ L48 rispetto agli anni precedenti, il che significa: 185 hp e 280 lbs.ft. di coppia.

L’unico deviazione a questo accordo: la California ha richiesto l’installazione di RPO YF5 – o California Emission Certification – che ha ridotto l’output a 175 CV e 270 Lbs.ft. di coppia, in parte attraverso l’uso di un carburatore e spinterogeno alterato.


Dal 1973, tuttavia, la versione L82 del 350 era stata nella tabella delle opzioni e fu nuovamente disponibile per il ’78 sotto il cofano di qualsiasi Corvette. Sebbene non sia stata effettuata alcuna alterazione all’alesaggio ed alla corsa, la compressione è stata spinta fino a 8,9: 1; Altre modifiche includevano un collettore di aspirazione in alluminio, un filtro aria a doppio snorkel che alimentava l’aria fredda condotta nel carburtore Rochester e un sistema di scarico a bassa limitazione. Tutti questi elementi hanno finito per aumentare l’output di potenza a 220hp e 260lbs.ft. di coppia. A tenere tutto insieme  c’erano un blocco 4 main bolts. La California è stata esclusa da questa opzione.

Senza dubbio, la L82 è la più desiderabile delle due opzioni del motore, e mentre c’è un grosso segmento di appassionati di Corvette che preferiscono mantenere le auto nella configurazione di riserva e la longevità del 350 c.i. è il motore più semplice da ricostruire e modificare per aumentare le prestazioni senza sacrificare l’aspetto di OE.

Le Trasmissioni

Questa è un’area in cui decenni di confusione vengono finalmente chiariti. Originariamente, si credeva che esistessero tre trasmissioni disponibili nelle Repliche: un quattro-velocità Muncie, una velocità a quattro velocità Borg-Warner e un Turbo Hydra-Matic 350 a tre velocità – tranne che il Muncie fu abbandonato anni prima da GM, portando molti a speculare che era in realtà un Borg-Warner ad ampio rapporto.

Il membro del NCRS Tom Russo ha ricercato l’argomento in modo estensivo e, secondo le sue conclusioni, la Corvette del 1978, comprese le Repliche, avrebbero potuto essere dotate di uno dei tre manuali a quattro velocità – o del modello opzionale THM 350 – basato sulla selezione del motore.

Per cominciare, il motore L48 standard  era venduto con un cambio a quattro velocità sotto la designazione M20 RPO e vale la pena notare che questo cambio Saginaw era disponibile solo con la L48.

La combinazione L82 / wide veniva abbinato con il Borg-Warner Super T10 in alluminio , con un primo rapporto di trasmissione di 2,64: 1.


Infine, c’è il THM 350 codificato con codice M38, che sarebbe stato disponibile con il L48 o L82.

I Differenziali

Un elemento della Corvette che ha continuato ad esistere sulle Pace Car Replicas è stato il differenziale Positraction (limited-slip), anche se le combinazioni di motore / trasmissione / posizione hanno avuto un effetto sul rapporto di trasmissione finale installato all’interno del differenziale stesso. A partire dalla configurazione base di una trasmissione L48 motore / M20, la coppia è stata inviata tramite ring-pinion da 3,36: 1, mentre gli accoppiamenti L48 / M38 hanno ricevuto un ingranaggio di 3,08 al di sotto di 4,000 piedi di altezza o un rapporto più potente 3,55: 1 Oltre 4.000 piedi.

Quegli esempi che hanno ricevuto la combinazione L82 / M20 hanno contenuto uno standard 3.70: 1 o un optional “highway” da 3,36: 1. Scambiando l’M20 per un M21 l’ingranaggio era 3.70: 1 – senza altra scelta – mentre il pacchetto L82 / M38 ha ricevuto l’ingranaggio da 3,55: 1.  Le auto vendute sulla Costa Ovest nella combinazione L48 / M38 avevano un rapporto di 3.55: 1.

Telaio e Sospensioni

Le repliche non erano diverse dalle altre Corvette dell’epoca, in quanto montavano un telaio in acciaio con box pesante ed il telaio da 98 pollici tra i mozzi della ruota anteriore e posteriore era standard, completo di un frontale indipendente (bracci, molle a spirale, ammortizzaori idraulici e Anti-roll bar) e posteriore (una singola molla a balestra trasversale, ammortizzatori idraulici e bracci laterali). L’unico aggiornamento è stata la sospensione Gymkhana (FE7), che ha fornito forti resistenze, molle e barra antiribaltamento anteriore mentre si aggiungeva una barra antiribaltamento posteriore.

Freni

Gli ingegneri hanno fornito un sistema a disco sulle quattro ruote robusto con dischi da 11,75 pollici e pinze a quattro pistoncini. Perfettamente in grado di fermare le 3,401 libbre. I freni erano molto robusti, ma oggi bisogna controllare le perdite idrauliche sulle pinze. Le pinze sono in ghisa e sono dotate di pistoni in alluminio, ma i fori del pistone tendono a corrodersi nel tempo.

Cerchi e Gomme

1978 Corvette L82 Official Pace Car Indy 500

Tutte le repliche di Pace Car sono state fornite con le ruote in alluminio da 15 x 8 pollici con pneumatici radiali Goodyear P225 / 60R15 scritto in bianco. Anche se queste ruote erano disponibili su qualsiasi Corvette, solo quelle sulle Repliche presentavano una striscia rossa vicino al cerchio. Sebbene non sia insolito trovare pneumatici di ricambio aftermarket, leGoodyear GT Radials sono state recentemente rese disponibili.

Carrozzeria ed Interni

Sotto le bandiere dei parafanghi, le decalcomanie “Limited Edition” sono state applicate dalla fabbrica, insieme a decalcomanie del logo Indianapolis Motor Speedway sui parafanghi posteriori. Tuttavia, le decalcomanie per eventi di ogni importanza, dovevano essere applicate dal rivenditore, su richiesta dell’acquirente. Comune a tutte le ’78 Corvette era l’emblema del 25 ° Anniversario.  Nascosto sotto la scocca c’era un serbatoio di carburante da 24 galloni più grande.

Le repliche hanno ricevuto sia un interno color argento in pelle o una combinazione relativamente rara di stoffa / cuoio, che è stata montata su nuovi sedili unici alla Pace Car Replica (ma divenuta standard su tutte le Corvettes l’anno successivo). Inoltre, le Repliche sono dotate di finetrini elettrici e chiusura elettrica, defogger posteriori, aria condizionata, specchi sportivi, T-top in vetro specchiato, sterzo inclinabile / telescopico, antenna, doppi altoparlanti posteriori, gruppo comfort (illuminazione extra, floormats e simili) / FM / 8-Track, che erano tutte facoltative sulle altre Corvette.

  • SHARE:
, , , , ,

OCTANES GARAGE

Ti invitiamo a contattarci per maggiori informazioni
sui nostri servizi di restauro di auto d'epoca americane.

http://www.octanesgarage.com/wp-includes/certificates